nel caso in cui vi state chiedendo

Come funziona la vela

Come funziona Sailing

“Perché quasi ogni ragazzo robusto e sano con un’anima robusta e sana in lui, prima o dopo, è pazzo di andare in mare? Perché, al vostro primo viaggio da passeggero, avete sentito una vibrazione così mistica, quando ha detto per la prima volta che voi e la vostra nave eravate ormai fuori dalla vista della terra?

-Herman Melville, “Moby Dick”

La vela è iniziata come un modo per esplorare il mondo. Anche se i marinai di oggi mantengono ancora lo spirito coraggioso degli esploratori dei secoli passati, la vela non è più un mezzo chiave di trasporto, commercio internazionale o guerra. La gente naviga per l’avventura e lo sport dal XVII secolo. [fonte: Borse di studio atletiche].

Molti marinai moderni stanno navigando perché amano essere in acqua. La vela è classificata come il 17o sport in più rapida crescita degli Stati Uniti, e si stima che oltre 4 milioni di americani siano velisti ricreativi[fonte: The Boating Channel]. La vela è un’attrazione secolare: il 40 per cento dei marinai ha tra i 25 e i 44 anni, e circa il 17 per cento ha meno di 17 anni – [fonte: The Boating Channel].

E che tu sia ispirato da famosi esploratori come Amerigo Vespucci o Vasco Da Gama, vincitori di gare di vela della Coppa America, o semplicemente ami la sensazione di vento nella tua testa, la vela è uno sport per saturare il tuo lato dell’avventura. Grandi venti!

Poi impareremo alcuni degli stili di navigazione più popolari, così come scoprire alcuni modi divertenti per trovare (e mostrare) le gambe di mare.

Tipi di vela ricreativa

Ci sono alcuni stili comuni di navigazione ricreativa che possono soddisfare se siete alla ricerca di un po ‘di divertimento e qualche avventura in alto mare. Abbiamo anche alcune idee insolite se siete alla ricerca di qualcosa di un po ‘diverso.

Se sei un marinaio principiante, si potrebbe desiderare di iniziare con piccole barche a vela come gommoni, daysailers, e piccole barche a chiglia. Sono generalmente meno di 25 piedi di lunghezza e sono facili da manovrare. Questi possono essere navigati da un individuo (vela solitaria) o da un membro dell’equipaggio – [fonte: U.S. Sailing].

Molti marinai iniziano con piccole barche a vela,e anche se diventano professionisti, continuano ad avventurarsi in questo modo. I Dinghies sono divertenti e leggeri, usati dalle squadre di college e olimpiche e ottimi per i guerrieri del fine settimana.

Tuttavia, alcuni avventurieri prendono il loro hobby di navigare ad un livello completamente nuovo e andare in crociera. La crociera non è solo un hobby; è uno stile di vita. Stanno navigando quando si sente parlare di qualcuno che naviga in tutto il mondo. Marinai che scelgono di soggiornare in crociera e volare per lunghi periodi di tempo sulle loro barche a vela. Le loro navi vanno da semplici barche a chiglia a grandi yacht multiscafo. Molte barche da crociera hanno molti dei comfort di casa sotto coperta e possono includere letti, servizi igienici, cucina e persino sistemi di intrattenimento, a seconda delle loro dimensioni.

Le barche possono essere noleggiate con skipper per coloro che vogliono il brivido o il relax della vela senza il lavoro, e gli yacht possono essere noleggiati con gli equipaggi. Crociere al tramonto e vacanze in barca a vela nei Caraibi sono due forme comuni di avventure a vela charter per famiglie. Le crociere al tramonto sono esperienze di piacevole crociera e di solito sono noleggiate da piccoli gruppi rilassanti. Se suona più come il tuo stile di navigare nei Caraibi come i ricchi e famosi, le barche (con o senza equipaggi qualificati) possono essere noleggiate dalle agenzie di viaggio. Le Isole Vergini, Antigua, St. Barts, St. Martin e Grenada sono alcune delle famose destinazioni dell’isola per i marinai caraibici.

Diversi resort vendono gite di crociera nude e pacchetti di crociera isola-hopping di più giorni per i marinai che vogliono staccarsi dalla norma. (Pensate a indossare protezione solare supplementare).

Ma se siete alla ricerca di un’alternativa alla scena del calore, della sabbia e delle onde, la vela su ghiaccio, chiamata anche nautica da ghiaccio, nautica da ghiaccio, ice surf e navigazione in acque dure, trasforma la navigazione in uno sport invernale. La vela a ghiaccio è iniziata nei Paesi Bassi nel 1800 come mezzo per attraversare i laghi ghiacciati in inverno, ed è cresciuta in popolarità come sport ricreativo da quando sono state introdotte le barche a vela ghiacciate negli anni ’30.

Lo sapevate che non è possibile prendere barche a vela direttamente nel vento? Scopri i cinque elementi essenziali della vela nella porzione successiva.

Discorso salato

Si consiglia di rispolverare il vostro vocabolario nautico se siete nuovi al mondo della vela. Ecco alcune parole che dovresti sapere:

Lingo:

  • Profondo sei: gettare in mare
  • Venti giusti: buona fortuna
  • Fallo: inceppato o aggrovigliato
  • Nei ferri: quando la barca è puntata direttamente nel vento
  • Mayday: una chiamata di soccorso radio

Unità di misura:

  • Fathom: un’unità di lunghezza pari a sei piedi
  • Nodo: una misura di velocità pari a un miglio nautico all’ora
  • Miglio nautico: un minuto di latitudine, 1852 metri

Competenze e termini di base per la navigazione

I fondamenti della vela sono facili da imparare in un paio di lezioni, ma perfezionarli può richiedere una vita. Ci sono cinque competenze e tecniche essenziali per imparare a conoscere la vela: ambiente di vela, equilibrio barca, assetto anteriore e poppa, posizione centrale, e buona rotta.

  1. Impostazione della vela: Non si può prendere barche a vela direttamente nel vento o corrono il rischio di fermarsi (quando non c’è praticamente vento nelle vele). A seconda del punto di navigazione, ovvero la direzione della barca in relazione alla direzione del vento, sono necessarie diverse impostazioni di navigazione. Attraverso l’ascolto, è possibile impostare la vela principale: rilassare la vela fino a quando non sbatte lungo il luff, la parte più vicina all’albero, e poi tirarlo indietro fino a quando il battito finisce.
  2. Equilibriobarca : E ‘noto come tallonamento quando la barca inizia ad appoggiarsi da un lato. E ‘importante rimanere consapevoli del vento (è rastrellamento?) e la direzione delle vele al fine di superare il tallone e rimanere sulla rotta. Tieni presente il peso che hai a bordo e il modo in cui viene distribuito. Se il lato portuale della barca è appoggiato, è possibile risolvere il problema spostando il peso (o il peso dell’equipaggio) sul lato opposto o sul lato della dritta.
  3. Assetto fore e poppa: Una barca deve essere bilanciata anche da un capo all’altro. In generale, la parte anteriore di una barca (arco) è leggermente superiore alla schiena (pop), e la distribuzione del peso corporeo a bordo (tu e il tuo equipaggio) è la chiave per mantenere l’equilibrio. Se la tua barca trascina in acqua (un esempio di cosa succede quando la schiena della barca è troppo bassa), sposta il tuo peso più vicino al centro o alla parte anteriore della barca. Se l’arco è in acqua, siediti sul retro della barca. Una barca adeguatamente bilanciata consente di navigare più velocemente.
  4. Posizione della tavola centrale: C’è un delicato equilibrio tra la barca e il mare, e può facilmente spingerti fuori rotta. La tavola centrale, un pezzo di legno, fibra di vetro o metallo (a seconda del make-up della vostra barca), è una multa mobile sotto lo scafo. È possibile correggere qualsiasi deriva cambiandola in relazione al livello di navigazione.
  5. Corso fatto bene: Andare dal punto A al punto B non è sempre un percorso dritto, soprattutto se si sono presi direttamente nel vento dal corso rettilineo. Pianificare un percorso che ti porti a destinazione nel minor tempo possibile si chiama “corso reso perfetto”. Questo è di solito fatto attraverso una manovra di virata in cui la barca è guidata in una direzione a zig-zag, upwind.

Per trovare una scuola di vela negli Stati Uniti, visita l’American Sailing Association.

Poi impareremo a conoscere la navigazione sana e alcune superstizioni nautiche che hanno resistito nel corso degli anni.

Conoscenza del Nodo

I marinai hanno familiarità con i loro nodi. È necessario riconoscere che esistono due tipi generali: piegatura e gancio. Una curva è un nodo che finisce per fissare la corda. Per legare la barca a una ringhiera o a un palo, un intoppo avvolge una corda intorno a sé.

Ci sono centinaia di nodi sulla tua lista di pratica, ma ci sono solo alcune nozioni di base che dovrebbero essere:

  • Bowline: Sei in piedi da un nodo di bowline. Alla fine di una corsa, produce un cerchio, è solido e facile da slegare. Se conosci la vecchia storia, conosci già la bowline, il coniglio esce dalla sua fossa,’ intorno all’albero e di nuovo giù nel suo buco. Usa questo nodo se in questione.
  • Nodo quadrato: Il nodo quadrato, o nodo della barriera corallina, viene utilizzato per legare insieme due corde della stessa dimensione. Attraverso Boy Scouts o Girl Scouts, addestramento di primo soccorso o dal fissare i lacci delle scarpe, si può avere familiarità con esso.
  • Gancio di chiodi di garofano: questo loop è un modo rapido per ormeggiare una piccola barca temporaneamente su una catena, una rotaia o un palo.
  • Turno e due mezzi intoppi: Questo nodo è spesso usato per legare una barca all’anello di attracco o al palo di attracco.
  • Figura di otto: Questo nodo tappo viene utilizzato per evitare lo srotolamento o lo scivolamento di una corda da un anello o da un’altra unità. Sia nella vela che nell’arrampicata su roccia, questo tipo di nodo è importante.
  • Piega del foglio: Hai bisogno di una corda più lunga? Un nodo di piegatura del foglio è un modo rapido per fissare temporaneamente due lati.

Sicurezza e regolamenti di sicurezza della vela

Al fine di mantenere la navigazione ricreativa uno sport divertente e sicuro, ci sono alcune linee guida che i marinai sono tenuti a seguire. Successivamente, è importante essere onesti sul tuo livello di abilità. Se sei un principiante o un professionista compiuto, andare oltre le tue capacità potrebbe mettere te e gli altri a rischio. Il settanta per cento dei decessi segnalati si verifica in mare, secondo la Guardia Costiera degli Stati Uniti, perché l’operatore della barca non aveva abbastanza (o qualsiasi) istruzioni per la nautica. Fonte: Stati Uniti. Guardia Costiera, Guardia Costiera.

Le tue abilità ti porteranno solo fino ad ora: per farti uscire in acqua, avrai bisogno di vento nelle tue vele. Una volta avviato, assicurarsi di valutare la velocità e la direzione del vento. Testare anche la previsione. Mentre si pianifica, può essere soleggiato, ma un cambiamento del tempo può portare a una spedizione pericolosa.

Ti consigliamo anche di controllare il tuo porto, attrezzature e strumenti con il livello di abilità determinato e la direzione del vento per assicurarti che siano tutti in buone condizioni, e ricorda se hai tutto ciò di cui hai bisogno a bordo prima di partire. La legge federale è tenuta ad avere attrezzature di sicurezza a bordo. Tu e il tuo equipaggio indosserete giubbotti di salvataggio e tutti dovrebbero essere in grado di utilizzare l’equipaggiamento di sicurezza delle navi. Assicurati di sapere come effettuare una chiamata di emergenza per un aiuto immediato: il momento in cui sei nei guai non è il momento di capire come chiamare aiuto.

Avere un piano è anche intelligente. È probabile che tu sia fuori dalla portata della terra durante il tuo viaggio, e se hai un’emergenza, potrebbe essere difficile trovarti per chiedere aiuto. Impostare un piano galleggiante e lasciare una copia prima di salpare con un amico o marina nelle vicinanze. Come minimo, il piano dovrebbe includere:

  • La descrizione della barca
  • Il nome del tuo barcaiolo e i nomi di tutte le persone a bordo
  • Che tipo di protezione e attrezzatura di sopravvivenza hai con te (cibo, razzi, pale, radio marine, ecc.)
  • La destinazione, l’ora di arrivo e di partenza

Capacità, meteo, ispezione e un programma: verifica. Essere attenti e consapevoli dell’ambiente circostante una volta che si avvia la barca. È meno probabile che si schianti con altre navi o oggetti semplicemente mantenendo una velocità sicura e guardandosi intorno (le prime due cause di incidenti). [fonte: Guardia costiera degli Stati Uniti]).

E lasciare l’alcol sulla riva: in mare, bere e correre macchinari è rischioso come lo è sulle strade. I trasgressori con un tasso di alcol nel sangue pari o superiore allo 0,08% possono essere soggetti a sanzioni civili e penali, incarcerazione per un anno o entrambi. [fonte: Guardia costiera degli Stati Uniti]. L’uso di alcol è un fattore principale negli incidenti mortali in barca – quasi il 20 per cento dei decessi segnalati [fonte: Guardia Costiera degli Stati Uniti].

Consulta gli Stati Uniti per un elenco completo di regole e regolamenti. La guardia della costa Centro di Navigazione.

­

Corse di barche a vela

Molti velisti amano testare le loro tecniche, strategie e tattiche nelle gare man mano che le loro abilità di navigazione migliorano. Le gare sono organizzate in tutto il mondo da club di vela e college. Ci sono due tipi di gare di barche a vela: corse a squadre (o corse di gruppo) in cui due o quattro barche competono tra loro e match racing dove due barche competono testa a testa.

Una delle gare a due barche più popolari è l’America’s Cup, dove i migliori marinai, meccanici e costruttori di barche mostreranno le loro abilità. Le regole sono sviluppate dalla International Sailing Federation (ISAF) e sono pubblicate ogni quattro anni. Visita ISAF per una copia delle regole di Sailing’s Racing.

Come funziona la vela: Vela: Nota d’autore

Sono stato sopraffatto dalla mia reazione istintiva a essere stato chiesto di scrivere sulla vela. Amo l’acqua, tanto che volevo poter vivere sott’acqua da bambino, ma avrei navigato solo una volta. Per ottenere questo diritto, avrei dovuto fare un sacco di ricerche e parlare con le persone con esperienza di vela.

Come amante dell’acqua, quando ho letto che la maggior parte dei marinai oggi naviga perché amano stare sul mare, sono stato immediatamente impegnato. Sì, sono dipendente. Ho iniziato a immaginare una vita in mare, navigando per il mondo da un luogo all’altro, che, a quanto pare, si chiama crociera. Anche se la crociera è uno stile di vita, non uno sport, ci sono un sacco di hobbisti di vela che partono al posto di barche a chiglia o yacht in gommoni.

Anche se non suggerirei alcuna vela senza un’ampia formazione e un’esperienza a bordo, spero di aver imparato tutte le basi di questo sport e mostrare a qualcuno come me la differenza tra dritta, lato, poppa e arco.

Fonti

Vela: Cheat Sheet

Roba da sapere:

  • La vela è classificata come il diciassettesimo sport in più rapida crescita d’America, e si stima che 4 milioni di americani siano marinai ricreativi.
  • Ogni marinaio deve essere consapevole di cinque abilità essenziali: impostazione della vela, equilibrio della barca, assetto a prua e poppa, posizione della tavola centrale e buon corso.
  • Prima sicurezza: essere fedeli al vostro livello di abilità, valutare la direzione del vento e presentare un piano galleggiante prima di impostare.
  • Ci sono due tipi di gare di barche a vela: squadra di corse (fleet) dove due o quattro barche competono insieme, e le partite di corsa in cui due barche competono testa a testa.

Barche verificate

Nessuna sorpresa durante il ritiro dello yacht. La maggior parte degli yacht su SkipperCity hanno immagini reali e contenuti verificati e si ottiene sempre lo yacht esatto che si sceglie.

Migliore garanzia di prezzo

Diamo il miglior prezzo su ogni yacht disponibile. Se vi capita di trovare un affare migliore altrove, fatecelo sapere. Lo batteremo.

Nessun costo di prenotazione

Prenotare uno yacht con SkipperCity è sempre gratuito! Non si paga alcuna tassa e si sta prenotando il miglior prezzo disponibile.

Recensioni Yacht

Recensioni di cui ti puoi fidare! Recensioni reali da veri marinai.

Servizio clienti

Hai bisogno di aiuto? Parliamo la tua lingua e siamo qui per te 7 giorni alla settimana. 386-40-873-5200 o info@skippercity.com

Torna su