LUNGO LE STRADE DEL VINO DELLE ISOLE DELLA DALMAZIA MEDIA

Quando ormeggiate nei porti dell’isola di Brač (Brazza), Hvar(Lesina) e Vis (Vis), prendetevi un po’ di tempo per conoscere i loro produttori di vino e assaggiare alcuni vini di alta qualità. Qui, vorremmo menzionare alcuni dei più famosi.

Se state navigando intorno all’isola della Dalmazia centrale, state anche navigando in una zona che è stata la culla della viticoltura e della vinificazione sull’Adriatico. Questo è immediatamente chiaro quando si naviga lungo le coste meridionali di Hvar e Brač, e si notano i vigneti che si estendono dal mare alle cime rocciose, occupando quasi tutto il terreno lavorabile. Fin dai tempi antichi l’uva maturava qui su un terreno sabbioso, bagnato dal sole. Queste uve sono usate per produrre alcuni dei migliori vini mediterranei. Anche gli antichi Illiri sapevano come coltivare la vite, far fermentare la frutta e produrre il vino, molto prima della colonizzazione greca. L’arrivo dei fenici e soprattutto dei greci antichi nell’Adriatico portò la tecnologia della viticoltura e della vinificazione a un nuovo livello.

Questa tradizione di vinificazione si è conservata fino ad oggi, e i viticoltori di Hvar, Brač e Vis sono considerati dei veri maestri di questa antica arte. Questa zona è l’origine di molti vitigni autoctoni: plavac mali crni, maraština, vugava, bogdanuša, prč, e molti altri.

Tienilo a mente quando navighi in queste acque, e quando ormeggi in qualche baia pittoresca o sul lungomare di un’isola, assicurati di visitare alcuni dei famosi produttori di vino dell’isola, dai un’occhiata alle loro cantine e prova i loro vini. Se ti piacciono, rifornisci le scorte della tua nave con una bottiglia di vino di alta qualità, che ti terrà il cuore caldo molto tempo dopo che avrai lasciato queste parti.

VITICOLTORI DI BRAČ

Anche se molti considerano Brazza come un’isola di olivicoltori, la viticoltura e la vinificazione hanno una tradizione secolare su quest’isola. La vite veniva coltivata e il vino prodotto sull’isola fin dai tempi dell’Impero Romano, e la leggenda dice che le prime piante di vite furono portate sull’isola dai rifugiati di Troia. Per secoli, i contadini di Bol hanno coltivato la vite sulle pendici meridionali dell’isola di Brač, ai piedi di Vidova Gora. Si è scoperto che il plavac mali era l’unico vitigno che era in grado di crescere e dare frutti in queste condizioni, con poca umidità e molto calore e sole. La necessità di produrre e vendere vino ha incoraggiato gli abitanti di Bol a formare la Prima Cooperativa dei viticoltori dalmati nel 1900.

La costruzione della cantina, che all’epoca era un esempio di tecnologia enologica di prim’ordine, fu terminata tre anni dopo. Il loro vino fu venduto a compratori in tutto l’Impero Austro-Ungarico e in Europa, e la Cooperativa riuscì a sopravvivere nonostante tutte le crisi che scossero la viticoltura e la vinificazione ed è ancora, insieme al turismo, uno dei pilastri della vita di Bol. I vigneti erano per lo più piantati sulla costa sud dell’isola e sui pendii interni, ma a volte anche sulla costa nord, per esempio, vicino a Postira.

Vini Bakovic, Murvica

La famiglia di Hrvoje Baković ha piantato i suoi vigneti circa 25 anni fa e ha fatto la sua prima vendemmia nel 1996. I loro vigneti si trovano a Murvica, la più famosa località vinicola di Brač, dove le uve archiviano un alto livello di qualità, grazie al terreno sassoso, povero di nutrienti, e una grande quantità di esposizione al sole. Produce vini costosi e aromatici, con una distinta nota meridionale. In precedenza, coltivava solo uva della varietà plavac mali, ma prevede di piantare nuovi vigneti l’anno prossimo, che includeranno anche varietà di uva cabernet sauvignon e syrah.

Baković produce il Plavac Murvica, un vino di alta qualità prodotto con metodi di vinificazione classici e invecchiato in botti di barrique. Il rilascio del vino sul mercato non è affrettato. Questo è un vino eccellente di un sapore pieno, raffinato e lussuoso. Il suo colore è rosso rubino scuro e il suo bouquet è ricco, con un aroma pronunciato e specifico. Come per altri vini plavac mali, è generalmente raccomandato con tutti i piatti arrostiti e speziati, così come il pesce piccante e grasso.

La cantina Baković si trova a Murvica, a circa cinque chilometri da Bol, quindi potete raggiungerla a piedi o noleggiare una bicicletta o uno scooter.

Jako Vino, Bol

Le cantine di proprietà della Cooperativa Agricola di Bol sono state acquisite da Jako Andabak alcuni anni fa. Anche se fanno parte di una grande azienda, le cantine e le linee di produzione sono organizzate separatamente, supervisionate da enologi di spicco. Le cantine sono state completamente rinnovate e arredate con attrezzature moderne. La cantina, situata sul lungomare di Bol, comprende un’enoteca ben decorata dove è possibile degustare i vini prodotti da questo produttore.

Pošip Stina è un vino dal gusto ricco e complesso, con una freschezza pronunciata. Il suo colore è intensamente giallo con riflessi verdi. Vugava Stina è anche di colore giallo-verde. È un vino ricco con un eccellente equilibrio tra freschezza e forza. Il vino diPlavac mali è prodotto in due versioni diverse: Majstor Stina e Barrique Stina. Majstor Stina è un vino di grande potenziale, destinato a migliorare ulteriormente. Barrique Stina ha la struttura del classico plavac ed è, allo stesso tempo, molto bevibile. Opol Stina è un vino dal sapore pieno e forte, dal carattere deliziosamente rinfrescante e dal calore costante.

Le cantine e l’enoteca di proprietà di Jako Vino si trovano nel centro di Bol, quindi puoi raggiungerle facilmente ovunque tu ormeggi o ancori a Bol.

Vini Senjkovic, Nerezisca

L’entusiasmo di Tonči Senjković, dei suoi figli Lari e Saša e delle loro famiglie ha aiutato a trasformare un piccolo vigneto del nonno nelle vicinanze di Nerežišće in un grande vigneto esteso su una superficie di 8 ettari. La combinazione di conoscenze moderne e tradizione porta alla produzione di vini di alta qualità: Bosso e Bročko rič (vini di plavac mali) e Spoža (rosato di plavac Mali). Il Bročko rič è un vino fatto da uve plavac mali, adornato dall’armonia tra un vino forte ed elegante, con buoni tannini e un piacevole retrogusto. Il naso è caratterizzato da aromi di vaniglia, caramello e spezie, seguiti da aromi di prugna e ciliegia.

Il palato è fruttato. Bosso è un vino plavac mali di colore rosso scuro/viola quasi opaco con riflessi blu. È un vino plavac elegante e bevibile, con tannini ben sviluppati e acidi piacevoli. È caratterizzato da aromi maturi e dolci di marmellata di prugne integrati da vaniglia e fumo. La Spoža ha la reputazione di uno dei migliori vini rosati croati ed è prodotta facendo sanguinare il succo dell’uva plavac mali (usata per fare il vino Bosso).

La cantina della famiglia Senjković a Nerežišće è un po’ più difficile da raggiungere per i marinai. Si trova a sei chilometri dai porti più vicini, Supetar e Splitska, e anche un po’ più lontano da Milna e Bobovišće, quindi è necessario organizzare il trasporto.

VITICOLTORI DI HVAR

Quando gli antichi greci dell’isola di Paros fondarono Faros nel 385/4 a.C., divisero il grande campo in appezzamenti più piccoli. I confini degli appezzamenti sono ancora visibili oggi, rendendo la pianura di Stari Grad, o Hora, la Hora greca meglio conservata del Mediterraneo. È qui che gli antichi greci coltivavano le loro viti e producevano vino, come i romani e i croati dopo di loro. Oggi, i vigneti di Hvar sono divisi in tre regioni diverse: le pendici meridionali dell’isola, il lato nord dell’isola, compresa l’ex Hora, e la pianura di Hvar.

Le zone più impressionanti sono i pendii molto ripidi nella parte meridionale dell’isola, dove l’uva plavac mali, utilizzata per produrre il vino plavac di Hvar di alta qualità, cresce su terreni di breccia, su pendii con un’inclinazione ottimale e un’esposizione eterna al sole. In questa zona, i vigneti si estendono dal mare a circa 500 m sul livello del mare.

Vorrei anche menzionare la drnekuša, un vitigno rosso che gli isolani usavano più spesso per produrre il vino da dessert prošek. Ultimamente, anche il vitigno cabernet sauvignon è coltivato con successo sull’isola, specialmente sull’ isola Pakleni. Tra i vitigni bianchi, bisogna menzionare le varietà autoctone bogdanuša e prč, così come il pošip, che ultimamente è stato piantato su superfici più grandi.

Oltre alle cantine di Stari Grad, Jelsa e la cooperativa agricola Svirče, anche i viticoltori privati costruirono le loro cantine e linee di imbottigliamento sull’isola, il che diede un grande stimolo alla viticoltura e alla vinificazione.

Vini Tomic, Bastijana, Jelsa

Andro Tomić ha un’attrazione magnetica per tutti coloro che vogliono ascoltare un discorso simpatico (e scientifico) sulla storia del vino e sui notevoli vini di Hvar, oltre a degustare alcuni prodotti di alta qualità. Produce vino di alta qualità con uve della varietà plavac mali (Ivan Dolac, Sv. Nedilja e Jagodna). Il vino si distingue per l’intensità naturale dell’aroma varietale della frutta scura e matura, completata dall’invecchiamento del vino per 8-12 mesi in botti di barrique.

La qualità speciale finale di Plavac mali risiede nella sua eleganza di tipo ˝francese˝ e negli aromi classici dei vitigni plavac mali. L’Opolo Nobile è un vino rosato secco fatto con uve plavac mali.

Il vino di alta qualità di Caplar è un coupage di varietà di uve plavac mali e Cabernet Sauvignon. Dopo l’assemblaggio, il vino viene affinato per sei mesi in botti di barrique. Il risultato è un vino dai tannini più morbidi. In cui l’intensità e gli aromi varietali del Plavac sono raffinati dall’eleganza e dalla freschezza del Cabernet. Andro Tomić produceva anche vino da uve coltivate sulle isole Pakleni: Sv. Klement Bijeli, un vino bianco secco fatto con uve pošip, e Sv. Klement Bijeli, un vino rosso secco fatto da un vitigno autoctono dell’isola di Hvar, e Beleca, fatto da uve pošip e bogdanuša.

Il Prošek Hektorović è un vino dolce da dessert prodotto in modo tradizionale, utilizzando uve di varietà bogdanuša, maraština, prč e muškat. Il vino che ne risulta è irresistibilmente dolce, con aromi maturi di uva passa, frutta secca e marmellata. La Cantina Tomić, con la sua notevole cantina, decorata nella tradizionale maniera romana, si trova nella parte orientale di Jelsa, vicino a Mina Cove. Un’eccellente degustazione di vini viene organizzata nella cantina.

Se siete ormeggiati sul lungomare di Jelsa, la cantina Tomić si trova a venti minuti a piedi. Se volete solo comprare o assaggiare i loro vini, potete farlo nel loro ˝Wine studio˝ situato nella parte vecchia di Jelsa.

Vini Dubokovic, Jelsa

Ivo Duboković è un altro viticoltore di Jelsa, che è riuscito a diventare abbastanza famoso negli ultimi anni, soprattutto grazie alla sua ambizione e al desiderio di produrre vini di alta qualità, che riuscirebbero a raggiungere un prezzo adeguato (alto) sul mercato. È riuscito a fare proprio questo, grazie soprattutto a due vini eccellenti, Medvid e Medvjedica, che prendono semplicemente il nome dai vigneti della località vinicola di Medvid Bad, e che lo hanno aiutato a raggiungere le vette della viticoltura. È un vino che invecchia in barrique, ha un sapore ricco e potente (Medvid), e un carattere lussuoso, speziato e fruttato (Medvjedica).

Oltre a questi, Duboković produce anche altri vini, come il Don Petar, il Prvi Poljubac, il Prije 6009 Godina, il 2718 Sati Sunca U Boci (prodotto con uve coltivate nei vigneti sul lato nord di Hvar), il Moja B e il Moj Otok. Alcuni di essi sono disponibili ad un prezzo molto più accettabile.

La cantina Duboković si trova a Jelsa. Include un’enoteca con una sala di degustazione e il posto giusto per chi vuole saperne di più sul vino.

Zlatan Otok, Sv. Nedjelja

L’azienda agricola di proprietà della famiglia di Zlatan Plenković ha ricevuto molti premi negli ultimi anni, tra cui il trofeo regionale Decantera assegnato al loro vino Zlatan Pošip 2010. I loro vigneti si trovano nelle località viticole sulle pendici meridionali di Hvar e nelle vicinanze di Makarska, e la cantina si trova in Sv. Nedjelja. Il loro assortimento comprende le seguenti varietà di uva: plavac mali, crljenak, merlot, cabernet sauvignon, syrah, pošip, žilavka, dubrovačka malvasia e moscato giallo. I loro vini più famosi sono lo Zlatan Plavac e lo Zlatan Plavac Barique.

Si tratta di vini ottenuti dal vitigno plavac mali, invecchiati in grandi botti di legno e inox per un anno, o in botti di barrique, e poi altri 4 o 6 mesi in bottiglia. Entrambi i vini hanno un colore rosso rubino scuro, con una struttura ricca e piacevole, e un lungo retrogusto. Zlatan Plavac Barrique ha un naso ricco e complesso con una leggera nota animale e aromi di prugne secche, ciliegia e cioccolato.

Zlatan Plavac Grand Cru è fatto da uve accuratamente selezionate coltivate nei vigneti più antichi, situati in siti di pregio sulle pendici meridionali dell’isola di Hvar. Il vino invecchia in barrique nuove, seguito da un altro mezzo anno di invecchiamento in bottiglia. Ha una struttura tannica ricca e forte, con un retrogusto ardente e persistente. Zlatan Pošip è un vino fatto di uve coltivate nei vigneti Bast – Baška Voda, sui luoghi di viticoltura vicino a Makarska.

Questo vino è di un colore giallo oro brillante di fieno, con un corpo spesso e pesante, con una pellicola pesante che ricopre il bicchiere. Ha un sapore ricco e particolare con un aroma caratteristico di albicocche secche e fichi. Plenković produce anche i vini Zlatan Plavac Makarska, Zlatan Crljenak, Zlatan Ostatak Bure, Opol Rose, Zavalu, Zlatan Porat, Zlatan Porat Reserva e Zlatan Prošek.

I marinai raggiungeranno facilmente la Cantina Plenković. Hanno costruito un vero e proprio piccolo marina di Sv. Nedjeljadove possono ormeggiare barche con una lunghezza fino a 20 m e un pescaggio fino a 4 m.

La marina comprende anche un eccellente ristorante gestito dalla famiglia e una notevole cantina situata sott’acqua.

Vini Luviji, Hvar

La famiglia Bracanović-Luviji coltiva l’uva del vitigno pošip in vigneti situati nelle vicinanze di Hvar, in una fertile esposizione a sud chiamata Pianura di Hvar, e producono anche il vino bianco secco di alta qualità Pošip-Luviji. Vjekoslav Bracanović-Luviji ha usato la sua conoscenza ed esperienza nell’innesto per salvare il vitigno autoctono di Hvar (ecotipo) pošip dall’estinzione. Questo vitigno si è adattato per secoli alle condizioni climatiche e pedologiche di questa zona, ed è per questo che le sue gocce giallo-verdastre incarnano l’essenza del clima, del suolo e degli sforzi familiari. Il vino ha un sapore forte, acidi equilibrati, colore giallo-verde e un bouquet riconoscibile.

Questo vino ha quel calore speciale, acquisito dall’invecchiamento nella cantina tradizionale della famiglia Bracanović-Luviji. Nella zona di Velo Polje sull’isola di Sv. KlementLa famiglia Bracanović-Luviji coltiva le varietà di uva rossa Cabernet e merlot utilizzate per produrre il vino rosso secco Pakleno vino-Luviji.

I vigneti si trovano direttamente accanto al mare nelle vicinanze dei resti di una villa rustica romana. Il vino ha un colore nero profondo e un sapore forte, è invecchiato in botti di rovere per 12 mesi, e il suo nome lo rappresenta perfettamente (˝Pakleno vino˝ significa ˝vino dell’inferno˝).

Qualsiasi marinaio che ormeggia o getta l’ancora a Hvar o nella vicina marina di Palmižana troverà facilmente i vini Luviji. Vengono offerti nella taverna di famiglia nelle vicinanze della cattedrale di Hvar, mentre la cantina di famiglia è solo un po’ più lontana.

Caric Vini, Svirce

Il loro assortimento comprende i vini rossi di alta qualità Plovac Ploški e Plovac Ploški Barrique, prodotti dal vitigno plavac mali coltivato nella zona di Plaže (spiagge) di Hvar. La macerazione è condotta in vinificazione inox e si ferma dopo cinque giorni. Il vino è fermentato con lievito naturale, senza la presenza di bucce o semi d’uva. Plavac Ploški Barrique in botti di barrique. Entrambe le versioni del vino Plovac sono invecchiate per almeno due anni prima di essere immesse sul mercato. Inoltre, c’è un vino giovane di qualità, il Plavac Ploški, fatto da uve coltivate in un giovane vigneto a Zavala, sul lato meridionale dell’isola di Hvar.

La macerazione e la fermentazione avvengono in contenitori chiusi, e il vino viene fermentato con lievito inoculato. Viene messo in vendita il giorno di Santa Caterina, il 24 novembre, il giorno in cui sull’isola di Hvar iniziano i canti natalizi(kolendanje).

È uno dei vini preferiti durante l’Avvento, il Natale e il Capodanno. I vini bianchi di qualità sono rappresentati da Bogdanjuša e Cesarica. La Bogdanjuša è un vino varietale fatto dall’omonimo vitigno autoctono, mentre il Cesarica è una combinazione di uve maraština e kuč. I vini fermentano e invecchiano in vasche d’acciaio per preservare la loro freschezza e il loro aroma. L’assortimento è completato da vini da tavola: vino rosato Rosé Marino, vino rosso Jubo`v, e vini rossi e bianchi Carić.

La Cantina Carić si trova a Svirče, nella parte interna dell’isola, ad una distanza di circa 5 km da Jelsa e Vrboska, e un po’ più lontano da Stari Grad.

Dato che si può ormeggiare in sicurezza in questi luoghi, si può lasciare lì la barca e fare una passeggiata fino a Svirče. La Cantina Carić possiede anche un’enoteca a Hvar.

Cooperativa agricola Svirce, Svirce, isola di Hvar

La cooperativa agricola Svirče è conosciuta per i suoi vini di alta qualità, prodotti ecologicamente e per una vendemmia unicamente tardiva. La cooperativa produce il vino rosso secco di alta qualità Ivan Dolac con una denominazione d’origine controllata, ottenuto da uve plavac mali. Ha un colore rosso rubino scuro, ed è leggero, con un sapore aspro, un bouquet lussuoso e un aroma varietale. Porta l’etichetta di prodotto ˝eco˝. Anche Ivan Dolac Barrique, un altro portatore dell’etichetta ˝eco product˝, così come il vino semi-dolce Ivan Dolac Selection, fatto con bacche secche selezionate e invecchiato in botti di barrique, sono prodotti da uve plavac mali.

I vini rossi di spicco prodotti dalla Cooperativa Agricola Svirče includono il Maditeraneo plavac, il Plavac Hvar, il Plavac barrique, il Plavac e l’Opolo, tutti fatti da uve plavac mali coltivate in varie località.

L’assortimento è completato dai vini bianchi Pošip, Bogdanuša (denominazione d’origine controllata), ottenuto dal vitigno omonimo, e Svirče, una miscela di bogdanuša, trebljan, parč, toscano e altri vitigni. La cooperativa agricola Svirče produce anche il for, un vino da dessert dal sapore dolce e dall’aroma ricco, fatto dal vitigno autoctono bogdanuša. La cantina si trova a Svirče.

VITICOLTORI DI VIS

Tutta la storia di Vis è legata al vino poiché il clima dell’isola è favorevole alla viticoltura. Fin dai tempi degli antichi romani e greci, la vite veniva piantata sui campi piccoli e grandi e sulle terrazze che i contadini costruivano sui pendii tondeggianti, e le cantine erano piene di ottimo vino.

Questa pratica continuò nei periodi in cui le proprietà dell’isola erano di proprietà delle famiglie aristocratiche di Hvar, attraverso i tempi delle associazioni e cooperative dall’inizio del secolo scorso, e fino ad oggi. La viticoltura e la vinificazione hanno attraversato delle crisi pesanti.

Sono stati distrutti dall’oidio e dalla fillossera, così come dal collettivismo socialista, ma sono riusciti a sopravvivere e oggi godono della loro rinascita. È guidata da viticoltori privati, alcuni dei quali sono molto famosi.

I due vini più famosi di Vis sono Vugava e Plavac. La Vugava è prodotta dall’omonimo vitigno, coltivato esclusivamente nelle località vinicole di Vis – Podšpilje, Podhumlje, Dračevo polje e Komiža. Oggi è un famoso vino secco di un meraviglioso colore giallo dorato naturale, con un bouquet varietale specifico e discreto.

Il plavac e il plavac mali sono coltivati sui fondi valle sabbiosi di Vis e Biševo.

Le uve producono un vino denso di colore ricco e dal sapore e dal bouquet pieni. Ci sono ancora alcuni vigneti dove si coltivano le vecchie varietà autoctone di Vis come la karstičevica, beretinjonka, palagružonka, palaruša, ecc.

Molti viticoltori dell’isola sono proprietari di negozi di vino a Vis e Komiža. Citeremo solo alcuni dei migliori e vi raccomanderemo di visitarli.

Vini Senjanovic, Tihobrace, Milna

Il vigneto e la cantina di proprietà della famiglia Senjanović si trovano a Tihobraće Polje, un luogo dove la vite è stata coltivata per secoli. Il nome del campo deriva dal nome con cui i locali chiamavano i frati dell’Ordine dei Cistercensi, che deriva dal loro voto di silenzio. I frati usavano questo campo per coltivare la vite e produrre vino. Il profondo profilo sabbioso del suolo e il campo esposto a sud creano un terroir ideale per coltivare uve plavac di alta qualità.

La famiglia Senjanović produce vini rossi e rosati di alta qualità fatti con uve della varietà plavac mali coltivate nel proprio vigneto. Il Plavac mali Tihe Braće è un vino secco di alta qualità con una denominazione di origine controllata. Ha un colore intenso e un aroma multistrato, ed è ben equilibrato, con il potenziale per invecchiare più a lungo.

Il vino rosato è prodotto dallo stesso vitigno, ma come vino fresco di un anno con un pronunciato aroma fruttato. È di colore rosso leggermente più scuro e più simile ai Dalmata standard Opolo. Raffreddato, ha un sapore eccellente se abbinato al dessert.

Se vuoi visitare la cantina della famiglia Senjanović, dovresti ormeggiare a Stiniva Cove e fare una passeggiata fino a Tihobraće Polje, a soli due chilometri di distanza. Potete anche partire da Vis, ma in questo caso, avrete bisogno di un trasporto, poiché la distanza dal lungomare di Kut a Tihobraće Polje è di circa sei chilometri.

Vitis Wines, Lipanovic

Come molti altri isolani, padre e figlio Petar e Antonijo Lipanović hanno ereditato sia il loro vigneto che la loro professione di viticoltori. Fino al 1993, quando hanno iniziato con la produzione di vino professionale, producevano solo vino per il proprio consumo.

Sono riusciti ad ottenere l’affitto dell’ex centrale elettrica militare, dove hanno costruito una cantina ideale. La cantina è scavata nel terreno, e con una temperatura costante di 18 C, indipendentemente dalla stagione ha le condizioni ideali per la maturazione del vino.

A seconda dell’anno, producono tra 20.000 e 40.000 di vino da uve plavac mali e vugava. Sotto l’etichetta Lipanović, mettono sul mercato i vini plavac e vugava, classificati come ˝top quality˝e ˝barrique˝. A seconda del raccolto, la vugava viene talvolta imbottigliata con l’etichetta di ˝tardivo raccolto˝. Inoltre, Rose, Mezot e Sv. I vini di Juraj, così come 12 tipi diversi di acquavite di frutta naturale, sono prodotti nella loro cantina. La famiglia Lipanović possedeva un negozio di vini nel centro di Vis. Vugava è caratterizzato da un colore giallo dorato naturale, e il suo aroma è specifico, varietale, non invadente e pieno.

Anche il Plavac Mali Barique è un vino di alta qualità con tratti caratteristici, un po’ meno forte di quelli fatti con le uve coltivate sulle pendici meridionali di Hvar e Pjelešac.

Se ormeggiate o gettate l’ancora nel porto di Vis, fate una passeggiata dalla zona di Luka verso Komiža, e vi imbatterete nella Cantina Lipanović sulla vostra destra. Vale la pena vederlo e viverlo.

Vini di Roki, Plisko Polje

Nel 1973 Nikša Roki tornò dall’Australia alla sua isola natale, dove comprò della terra. È stato uno dei primi viticoltori privati che ha iniziato a imbottigliare il proprio vino, a metà degli anni 70. Oggi possiede 4 ettari di vigneti. Imbottiglia quantità significative di vino da uve vugava, plavac mali, kurtelaška e kuč sotto una decina di etichette diverse. Insieme alla vugava, il suo più famoso vino di alta qualità è il vino bianco Muškardin, fatto da uve kuč.

È famoso per la produzione di vini giovani plavac ed è l’unico viticoltore dell’isola che produce champagne. Possiede una cantina con una sala di degustazione e un piccolo ristorante nella sua tenuta a Plisko Polje e ha anche negozi di vino a Vis e Komiža. Se volete raggiungere la tenuta di Roki, avrete bisogno di un trasporto, che si può trovare facilmente a Vis. Si trova a quasi 9 km dal lungomare di Kut. Se noleggiate delle biciclette, potrete fare una bella escursione, completa di pasto e degustazione di vini.

Fai solo attenzione a non esagerare, visto che devi anche tornare in città.

Cooperativa agricola Podspilje, Podspilje

La cooperativa agricola, guidata dall’agronomo e noto enologo Srećko Roki, è diventata uno dei più importanti produttori di vino dell’isola. Ogni anno alcuni viticoltori privati la riconoscono come un partner affidabile e diventano nuovi membri della Cooperativa. La cantina è usata soprattutto per invecchiare i vini prodotti dai vitigni plavac mali e vugava, così come piccole quantità di vini kuč. Vugava e plavac sono etichettati come vini di ˝qualità˝. L’uva di 60 ettari di vigneti provenienti da tutte le località viticole dell’isola viene consegnata alla cantina della Cooperativa.

Oltre a occuparsi dell’invecchiamento e dell’imbottigliamento del vino, la cooperativa è anche il principale distributore di piantine di vite sull’isola. La cantina della Cooperativa comprende un’enoteca. Vugava Podšpilje è un vino di colore giallo scuro, con una bocca spessa e una nota di base di salvia. Plavac Podšpilje è un vino di colore rosso scuro, semplice, corposo e saporito, con aromi contadini e un retrogusto persistente.

La distanza dalla Cooperativa agricola di Podšpilje è quasi la stessa se si parte dal lungomare di Vis o da quello di Komiža. Avrete bisogno di un mezzo di trasporto o dovrete essere molto in forma.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest